Palla di neve

In un paesino sulle alture della nostra riviera, viveva una famigliola di gatti randagi.

Erano così brutti, magri e malaticci, che gli abitanti del paese, li scacciavano sempre a pedate.

Così Nerina, tutta nera come la notte, Rossetto, con un folto pelo fulvo, Cenerino, grigio come la cenere, e Stracciatella, bianca e nera come un gelato di crema e cioccolato, erano perennemente affamati, anche perché non potevano nemmeno più rovistare nella spazzatura.

Da quando, infatti, nel paese avevano istituito la raccolta differenziata, gli abitanti, rispettosi della legge, depositavano i rifiuti, ben chiusi, negli appositi cassonetti, cosicché le strade erano perfettamente pulite.

Amato e coccolato da tutti i bambini del paese, c'era però Palla di Neve. Un bel micione dal pelo bianco come la neve, che sprizzava salute da tutti i pori.

Naturalmente era invidiato dagli altri gatti, che non riuscivano a capire come facesse a stare così bene.

Eppure anche lui non aveva nessun padrone, e viveva libero per le strade...

Decisero così di seguirlo di nascosto, per scoprire il suo segreto. Ed ecco che al mattino, mentre l'aurora cominciava a schiarire il cielo e il sole era ancora nascosto dietro i monti, videro Palla di Neve lasciare il paesello e avviarsi lungo il sentiero che portava verso la costa, verso il mare e, raggiunta la spiaggia, fermarsi a scrutare l'orizzonte.

Intanto spuntava l'alba e dalle onde leggere, arrivavano ansimando le barche dei pescatori, che tiratele in secca, cominciavano a raccogliere le reti.

Quanti meravigliosi pesciolini cadevano nelle apposite cassette!

Ma la cosa straordinaria fu sentire quegli uomini chiamare a gran voce Palla di Neve, per invitarlo a fare colazione. E sembrava una gara per riuscire ad accaparrasi le sue fusa. A questo punto i nostri gatti, si avvicinarono timidamente ai pescatori che accolsero con gioia i nuovi amici.

Finalmente anche loro poterono sfamarsi, correndo ogni mattina in riva al mare, e in poco tempo si rimisero in forma, bei grassi e ben pasciuti!

Ora nel paese, quattro bambini hanno in casa un nuovo amico da amare e coccolare: Nerina, Rossetto, Cenerino e Stracciatella non devono più scendere fino al mare per sfamarsi.

A nutrirli ci pensano i loro padroni.

Ma Palla di Neve no! Lui amava la libertà e ogni giorno, quando albeggia, su una bianca spiaggia della nostra riviera, potremmo vedere un bel micione bianco scrutare l'orizzonte lontano, aspettando felice i suoi amici pescatori.

 

                                                                                                            Aurora