Le Donne più Amate

 

Come l'eterna onda, che s'infrange  torna al mare,

rinnovando ogni volta, il suo canto d'amore

così, le nostre donne, san trovar nel presente,

nuova gioia di vivere con il corpo e con la mente.

            Guarda con tenerezza i loro robusti fianchi,

            guarda il materno seno, così accogliente e morbido,

            e al tepore di un nido ti ritrovi a pensare,

            e in quel caldo rifugio vorresti riposare.

Sono forti le mani che il lavoro ha forgiato,

mani che per magia si possono trasformare,

diventare lievi lievi come ali di farfalla,

quando con simpatia, ti vogliono accarezzare.

            Sono sempre tenaci, come un'onda infinita,

            un esempio tangibile da seguir con costanza.

            Col sorriso dolcissimo e lo sguardo sereno,

            l'irruenza dei giovani, san tenere un po' a freno.

San creare tra noi, un cordone sottile,

come un filo invisibile che ci lega, che unisce.

Son l'orgoglio del gruppo, le colonne portanti,

e la loro presenza vuol dir guardare avanti.

            Perché se anche un dolore, a volte un po' le frena,

            sapranno come muoversi, mascherando la pena.

            E con loro il futuro si apre a ogni speranza.

            Son le donne più amate. Han passato i SETTANTA!!!

 

 

                                                     30 Maggio 1998

 

 

indice poesie prossima poesia