- "Papà cosa sono le icone?"

  "Sono immagini sacre"

  "E perché Windows ne ha tante?"

  "Perché ci vogliono i miracoli per farlo funzionare bene"

 

 

Nel rifugio dei vampiri è l’ora del ritorno dalla caccia e lentamente iniziano a rientrare tutti.

Ne arriva uno che ha ancora un filo di sangue che gli cola dal bordo della bocca.
”Hai fatto buona caccia?” chiedono i compagni e lui, invitandoli ad avvicinarsi alla finestra dice:
”Vedete quel convento in fondo alla vallata?”
E tutti “Sì!”
”Era pieno di suore, me le sono succhiate tutte”
Nello sbigottimento generale arriva un altro vampiro con la bocca completamente insanguinata.
”E’ andata bene anche a te, stasera!” esclamano i compagni. Anch’egli li invita alla finestra e dice:
”Vedete quell’abbazia sulla cima della collina?”
”Sì, la vediamo”
”C’erano cento Frati li ho seccati tutti” si alza un brusio di invidia che viene interrotto dall’arrivo di un altro vampiro con la faccia completamente coperta dal sangue, e le ali inzuppate.
”Per te è sicuramente andata ancora meglio, racconta!”
Anch’egli chiama i compagni alla finestra e dice “Vedete quel campanile in mezzo al paese?”
”Certo, lo vediamo”
”Beh,... io non l’ho visto!!!

E' arrivato il giorno del giudizio universale. Tutti gli uomini giungono al cospetto di Dio per essere giudicati dei loro peccati. San Pietro, con un palmare in mano, controlla che tutte le file all'ingresso siano ordinate in base al peccato da espiare:
prima la fila dei lussuriosi, poi quella dei golosi, poi gli avari, ecc.
Proseguendo nel suo giro di ispezione, ad un certo punto vede una fila lunghissima. Stupito della cosa controlla sul palmare e vede che si tratta della fila degli "uomini succubi delle mogli".
Passata quella fila vede un altro ingresso con un solo uomo in fila. Ancora più curioso gli si avvicina e gli chiede:
"Scusa, ma tu che fai qui da solo?"
"Che ne so?!? Mi' moje m'ha detto de metteme qui..."

Roma: Sulla porta del negozio di alimentari c'e' un cartello: "SE FANNO PANINI CO' TUTTO"
Entra un signore e con fare ironico chiede:
VORREI UN PANINO CO' NA FETTA DE BALENA...
Il commesso, un po' imbarazzato, gli risponde di attendere un attimo e va nel retro del negozio dal titolare:
CE STA UN TIZIO CHE VOLE UN PANINO CO' NA FETTA DE BALENA, FORSE SAREBBE MEJIO CAMBIA' ER CARTELLO...
E il titolare senza perdersi d'animo:
DIJIE CHE SOLO PER UN PANINO NUN LA COMINCIO...

Tre esploratori in Africa vengono catturati dai cannibali. Prima di mangiarli, i cannibali decidono di dargli una possibilità e di lasciarli liberi se superano tre prove:
correre sopra le braci ardenti, pestare i piedi a un gorilla e fare l'amore con una vecchia del villaggio.
Parte il primo esploratore:

corre sopra le braci, entra nella gabbia dove c'è il gorilla ma ne esce a pezzi...
Parte il secondo:

corre sopra le braci ardenti, entra in una gabbia e pesta i piedi al gorilla, entra in una capanna per
fare sesso con la donna più anziana del villaggio ma non se la sente proprio... prova fallita.
Parte infine il terzo:

corre sopra le braci, entra nella gabbia, ne esce dopo 45 minuti e chiede: dov'è la vecchina che
devo pestarle i piedi?

 

 

 

Due amici Palermitani:
Salvatore: "Ciao Pasqua', allora, com'e' l'Inghilterra?".
Pasquale: "Ah, Salvato', è magnifica, però ci sono alcune cose che non ho capito".
"Dimmi, dimmi, Pasqua'".
"Prendi le strade: lunghe, larghe, quattro corsie di marcia... e le chiamano, stret!;
Prendi i pullman, alti, due piani... e li chiamano bas!;
Prendi le donne, alte, bionde, occhi azzurri, con due tette tante... e le chiamano uommene!
Ma una cosa proprio non riesco a capire:
agli stop, il cartello ONEWAY; Ma dico io, che minchia te ne fotte a tia onne uado io!!!".

 

 

Un bambino indiano sta per addormentarsi e chiede a sua madre che
gli sta rimboccando le coperte:
"Ma perché noi indiani abbiamo nomi come Toro seduto, Nuvola bianca e i bianchi invece si chiamano Luca, Michele, Maria?" la madre risponde:
"Vedi caro... noi abbiamo delle usanze diverse. Per esempio, tuo fratello Toro seduto lo abbiamo chiamato così perché mentre lo concepivamo c'era un toro lì vicino... anche tua sorella Nuvola bianca, mentre la concepivamo era nuvoloso e così le abbiamo dato quel nome.
E ora dormi... Preservativo bucato.

 

 

Un bruco fa un giro per un prato, incontra una bruca e dice:
- Ciao come ti chiami?"
- io mi chiamo Ciam
- e cosa fai stasera di bello Ciam?
- niente di particolare
- preparati che ti passo a prendere
- Va bene ciao
Il bruco continua la sua passeggiata e incontra un'altra bruca ancora più bella e dice:
- Ciao come ti chiami?"
- io mi chiamo Ciam
- e casa fai stasera di bello Ciam?
- niente di particolare
- preparati che ti passo a prendere
- Va bene ciao
Il bruco continua continua a camminare e incontra la Claudia Schiffer delle bruche, le si avvicina e le dice:
- Ciao come ti chiami?"
- io mi chiamo Ciam
- e casa fai stasera di bello Ciam?
- niente di particolare
- preparati che ti passo a prendere
- No, io non esco con te"
MORALE: NON TUTTE LE CIAM BELLE ESCONO CON IL BRUCO